L'ultime ricette

20/04/12

Cestini di frolla alla ricotta con crema di fragole e kiwi

Oggi una ricetta di un dolce fresco, primaverile/estivo, gustosamente light che potrebbe venire bene se siete a dieta come me. Quando devo perdere 2-3 kg (ahimè, forse sono 4-5), cerco sempre di mangiare in modo leggero, consumare più possibile della verdura, frutta e bere tantissima acqua e non posso assolutamente privarmi degli amati dolci, perciò li mangio solo una volta alla settimana in quantità limitate, solo per il weekend e solo esclusivamente preparati da me!
 "Crostatine di pasta frolla alla ricotta farcite con crema al formaggio, cioccolato bianco e frutta fresca"
hanno forma di cestini e sono delle tortine leggeri, molto gustose e di aspetto delizioso!
Ingredienti per la base di una crostata:
(io ho diviso l'impasto tra un stampo di silicone e uno più piccolo di porcellana)
  • 100 g  ricotta romana rigorosamente freschissima
  • 3 cucchiai di latte
  • 4 cucchiai olio di semi di girasole
  • 1 tuorlo 
  • 1 pizzico di sale
  • 70 g di zucchero a velo
  • 1 bustina di vanillina
  • 200 g di farina 00
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
Ingredienti per la crema e la decorazione:
  • 250 g di fragole + 2 kiwi
  • 125 ml di latte
  • 100 g cioccolato bianco
  • 30 g burro
  • 125 g di formaggio spalmabile (tipo Philadelphia)
  • fragole
  • un ciuffo di menta fresca  
Procedimento:
1. Preparare la base mischiando la ricotta con il latte, l’olio, il tuorlo, il sale, lo zucchero e la vanillina.
2. Setacciare la farina con il lievito, poi aggiungerla al composto di ricotta. Lavorare bene e stendere su una tortiera coperta con carta forno.
3. Tagliare un cerchio di carta forno, adagiare sulla pasta e ricoprire di legumi secchi. Infornare a 180° per 25 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare.


4. Nel frattempo far sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro e il latte. Aspettare che si raffreddi poi aggiungere il formaggio spalmabile, fragole e kiwi tagliati a pezzettini.
5. Riprendere la frolla, spalmare la crema e decorare a piacere. Conservare in frigo.
Ecco le foto dei cestini prese con la mia macchina fotografica di sera e con la luce di giorno...enjoy!
Nota:
1. Se si desidera ottenere una pasta frolla molto friabile, allora questa "frolla di ricotta" non fa per voi!
2. Come avete notato si usa solo 70 g di zucchero per la frolla di ricotta. La crema è dolcificata solo con il cioccolato bianco.
3. In questa preparazione, la frolla non risulta molto friabile ma è con molto meno grassi e zuccheri, quindi regala  meno calorie e ha un gusto più raffinato.
Per oggi è tutto! Un saluto affettuoso a tutti con l'augurio di passare un buon fine settimana! Ciao, alla prossima!

17/04/12

Uova sode colorate e farcite

Salve, amici foodies! Dopo 10 giorni d’astinenza per cause di forza maggiore (la partenza per la Macedonia,  il periodo d’adattamento e la ricerca di una decente connessione internet) sono tornata sul mio blog ed eccomi a pubblicare una nuova ricetta! Stavolta la ricetta arriva in ritardo per il periodo di Pasqua però può venire bene ugualmente anche come fresco antipasto per il periodo primavera / estate. La ricetta  è molto semplice e di grande effetto, io l’ho provata e posso dire che oltre che bella da vedere è squisitissima .... la raccomando a pieni voti!

Ingredienti:
  • 4 uova sode, sgusciate 
  • 250 ml succo di barbabietola
  • 50 ml d’aceto di mele
  • 1 piccola cipolla rossa
  • 5 chicchi di pepe
  • 2 cucchiai di ricotta (regolare la quantità secondo il gusto personale)
  • ½ cucchiaino di senape

Procedimento:
1. Mettere a bollire il succo di barbabietole insieme con l'aceto. Appena bolle, togliere il pentolino dal fuoco, aggiungere la cipolla tagliata a grandi pezzi e il pepe.
2. Lasciare raffreddare per una decina di minuti e versare nella ciotola con le uova sode.
3. Chiudere la ciotola con la pellicola (o con il tappo se il recipiente è di plastica) e lasciare nel frigorifero per 48 ore.
4. Una volta tolte dal frigo lavare le uova con acqua fredda e asciugarle. Tagliarle a metà (in lunghezza) e togliere i tuorli con cautela.
5. Fare una crema mescolando i tuorli con  ricotta e senape. Riempire le uova usando la “sac a poche” con la crema ottenuta e decorare a piacere.
Le uova sode colorate al naturale e farcite si presentano bene anche come finger food, eccovi altre foto.
Per oggi è tutto! Non so per quale motivo ma non mi è permesso di collegarmi con i vostri blog ... appena mi sarà consentito sono subito da voi! Ciao cari amici blogger, a presto!

05/04/12

Uovo in nido di pasta sul letto di spinaci ... l'idea per Pasqua No3

Salve foodies! Il post di oggi è un primo Pasquale! Con questo piatto si fa una bella figura davanti ai commensali invitati al pranzo di Pasqua! Stavolta questo gustosissimo e delizioso piatto di tagliatelle, uovo e spinaci  l'ho fatto  solo per dare l'idea e farvi vedere la ricetta e se qualcuno decide di prenderlo in considerazione allora, nelle mie note troverete i particolari a proposito della ricetta.
Sulla foto scattata con la scarsa luce serale, il piatto non risalta molto ma con la luce del giorno è proprio un altra cosa ... verrà meravigliosamente bene per il pranzo di Pasqua!
Click to enlarge
Allora, ecco la ricetta!
Ingredienti x4:
  • 150 g di tagliatelle 
  • 400 g di spinaci surgelati
  • 250 - 300 ml di brodo vegetale
  • 150 ml di panna fresca/ non avendola a disposizione ho messo un mix di ricotta, yogurt e latte
  •  4 uova
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, io - Dante Olio Extravergine di Oliva 100% Italiano
  •  50 g di burro
  •  ½ cipolla / o 1 cipollotto
  •  2 spicchi d'aglio
  •  15 - 20 g di farina
  •  ½ cucchiaino di noce moscata grattugiata
  • sale grosso macinato / io, Sale Blu di Persia in grani della azienda Tec-Al
  • pepe bianco, della azienda Tec-Al
Procedimento:
Click to enlarge
1. Cuocere le tagliatelle lasciandole un po' al dente.
2. In padella con un giro di olio extra vergine di oliva far sciogliere la metà del burro e soffriggere il cipolotto tagliato finemente insieme con l’aglio sminuzzato circa 4-5 minuti, finchè risultino  leggermente ammorbidite.
3. Aggiungere la farina e soffriggere brevemente mescolando fino a quando non inizia a cambiare colore.
4. Versare il brodo vegetale (precedentemente preparato) mescolando energicamente con una frusta per risultare senza grumi. Unire gli spinaci surgelati, noce moscata grattugiata mescolando di tanto in tanto aspettando che si sciolga, e poi continuare a cuocere a fuoco basso.
5. Scolare la pasta cotta, sciacquare sotto l'acqua corrente fredda e disporre una quantità giusta in una piccola ciotola spalmata  bene con il restante burro. In ogni piccola ciotola fare un nido dalle tagliatelle e rompere l’ uovo crudo al centro con una macinata di sale grosso e pepe sopra. Praticamente per ogni commensale si fa una ciotolina con un nido e un uovo dentro.
6. Disporre le ciotoline preparate in una pirofila piena con  acqua calda fino a metà, coprire il tegame e mettere tutto insieme in forno preriscaldato a 200° C per 20 minuti.
7. Cinque minuti prima di togliere la pirofila con le ciotoline, versare la panna nella crema di spinaci, mescolare e far bollire! Non appena raggiunto il bollore togliere dal fuoco.
8. Portare fuori dal forno le ciotoline con i nidi e lasciare raffreddare leggermente.
Nel piatto da portata fare il letto con la crema degli spinaci. Posizionare sopra un nido tolto fuori dalla ciotolina e servire caldo ai commensali.
Note: 
1. La crema di spinaci si può fare anche con gli spinaci freschi mondati bene e sminuzzati finemente prima di essere messi nel composto di cipollotto e farina.
2. Se non avete il coperchio per coprire la teglia con le ciotole, si può usare la carta di alluminio.
3. Se volete che l'uovo risulti meno cotto basta togliere la teglia dal forno 5 minuti prima del tempo indicato!
4. Per far uscire il nido dalla ciotola cioè per staccarlo più facilmente dalle pareti, aiutarsi con un coltello o una piccola spatola!
Ecco carissimi amici, qui è la fine del post! Non so se avrò ancora abbastanza tempo per scriverne un altro prima della mia partenza per la Macedonia ... si, proprio il giorno della Pasqua  parto per andare a casa dai miei genitori. Nel periodo della mia permanenza cerchero' di essere collegata con voi il più possibile postando anche qualche ricetta già fatta! Allora amici, vi auguro Buona Pasqua a tutti!

03/04/12

Torta Pasqualina by me ... l'idea per Pasqua No. 2

Buongiorno amici! La Pasqua è ormai alle porte e questa settimana posto qualche ricetta per il pranzo che servirò ai miei ospiti. La ricetta di oggi è quella della Torta pasqualina reinterpretata by me!
Per le origini di questa delizia di provenienza Ligure potete leggere nelle mie note!
Ora, ecco la ricetta della mia Torta Pasqualina in chiave moderna:
Ingredienti x 4 persone:
  • 2 confezioni (dischi) pronti di pasta sfoglia (per semplificare e velocizzare la preparazione)
  • 1 porro
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva / io -  Dante Olio Extravergine di Oliva Terre Antiche-Terre Antiche 
  • 250 g di ricotta
  • 2-3 cucchiai di yogurt molto denso al naturale
  • 600 g di bietole
  • 1 rosso d'uovo
  • 3 uova lessate
  • 40 g parmigiano
  • maggiorana fresca o essiccata
  • sale macinato / io Sale Blu di Persia in grani della azienda Tec-Al 
  • pepe bianco, della azienda Tec-Al
Procedimento:
1. Pulire e tagliare a rondelle il porro (secondo me rende più saporito il ripieno di bietole e ricotta). Pulire e tagliare finemente le bietole.
2. Mettere la padella sul fuoco con un giro d'olio extra vergine di oliva e soffriggere un po’ le rondelle di porro, unire anche la bietole sminuzzate e far stufare tutto per benino, aggiungere sale, pepe e maggiorana.
3. Preparare il ripieno con la ricotta, yogurt, parmigiano, le spezie e unire le bietole stufate.
4. Sistemarla bene nella teglia (24 cm di diametro) e bucherellare la pasta sfoglia con una forchetta. Riempirla con il ripieno di bietole e ricotta. Fare le fosse nel ripieno e disporre le uova lessate.
5. Tagliare un disco più piccolo dall’altra pasta sfoglia e coprire il ripieno. Piegare i bordi verso l'interno coprendo bene e spennellare la superficie con il tuorlo d’uovo sbattuto.
6. Cuocere in forno preriscaldato a 170-180° C per circa 30 minuti. Raffreddare e servire tiepida o fredda.
Ora vi mostro tutta la sua eleganza una volta servita in tavola...




Per la bontà indiscutibile della Torta Pasqualina non devo scrivere proprio nulla ... si deve solo provare!
Note:
1. La torta Pasqualina è un piatto simbolo della cucina ligure. Le sue origini sono antiche, poiché veniva preparata già nel 1400, e anche allora era strettamente legata al periodo pasquale, da cui prende il nome.
2. La torta Pasqualina è prodotta con un ripieno di erbe completato con latte cagliato (la prescinseua o la quagliata, oggi sostituita spesso da ricotta) e uova, racchiuso in molteplici e sottilissime sfoglie di pasta.
3. Questa torta salata si prepara anche con i carciofi, ma la tradizionale torta Pasqualina è fatta solo con le bietole, poiché nel periodo pasquale i carciofi non erano a buon mercato, mentre le umili bietole di campagna erano in pieno germoglio e tutti potevano permettersi di acquistarne in quantità. Tradizione vuole che i fogli di pasta che compongono la torta Pasqualina siano esattamente 33, in ricordo degli anni di Gesù, ma in pratica ci si limita "solo" a 10-12.
4. Rapporto calorico:
Come tutte le torte salate, la torta Pasqualina è un piatto ipercalorico, anche se la presenza di verdura e di quagliata (un formaggio fresco, dunque abbastanza ipocalorico) potrebbero farla sembrare una ricetta accettabile dal punto di vista calorico. Una fetta di torta Pasqualina ha ben 480 kcal e di certo non è sufficiente per saziarsi: tutto bene se viene consumata una volta all'anno. Purtroppo, accade spesso che le torte salate vengano utilizzate per pasti veloci o in molte occasioni conviviali.
Per oggi è tutto! Un abbraccio, … a presto!