L'ultime ricette

26/02/12

Un soufflé di mele per il compleanno di Menu Italy

Buona domenica amici! Che bella giornata piena di sole abbiamo oggi qui a Genova! Direi una giornata di primavera anticipata e proprio oggi al festeggiamento del compleanno del blog: Menu ItalyPer festeggiare il primo blog compleanno ieri sera ho preparato un dolce sufflé, cioè
Sufflé di mele.
Click to enlarge
Invece della candela ho messo una margherita gialla, il mio fiore e colore preferito!!!
Ingredienti del soufflé di mele :
  • mele, 3
  • latte, 500 ml  
  • semolino,  90 g 
  • zucchero di canna, 50 g
  • miele, 1 cucchiaio pieno  
  • uova, 2
  • ricotta fresca, 200 g
  • limone, 1 (la scorza + succo) 
  • vanillina, 1 bustina
  • zucchero a velo vanigliato, q.b.
Click to enlarge
Una dei due cocotte con il sufflé è già sparito… è cosi buono tiepido con tanto zucchero a velo sopra…una vera delizia! 
Preparazione:
1. Sbucciare le mele, pelarle, tagliare a metà e pulire la loro parte centrale e la parte inferiore. Tagliare l'intera lunghezza del lato superiore delle mele (è molto più decorativo).
2. Grattugiare il limone e mettere a parte la scorza. Con il sugo del limone cospargere le mele.
Preriscaldate il forno a 180 gradi.
3. Far bollire il latte, aggiungere il semolino, e cuocere fino a quando il semolino si addensa. Unire lo  zucchero e miele e mescolare bene il budino ottenuto.
4. Separare gli albumi dai tuorli. Mescolare i tuorli con la ricotta, lo zucchero vanigliato e la scorza di limone. Aggiungi questa miscela al budino di semolino intiepidito.
5. Con lo sbattitore elettrico lavorare gli albumi con un pizzico di sale per ottenere una neve ferma e unire con il composto preparato precedentamente mescolando delicatamente.
6. Versare il composto in uno stampo unto (con burro) di 24 cm diametro o nel  2 (o 4 più piccole) coccotte. Disporre le mele sulla superficie.
7. Cuocere il soufflé di mele per 20-30 minuti, finché non si ottiene un colore dorato.
Laciare ad intiepidire e spolverare con zucchero a velo.  Servire subito. E' buonissimo caldo ma anche  freddo!
Ecco altre foto del soufflé ... è divinooo....
Cliccare sulle foto per ingrandirle!
Ora vi saluto augurandovi di passare un piacevole pomeriggio di domenica...io con mio marito vado al teatro a vedere l' opera Romeo e Giulietta con interpretazione del grande Andrea Bocelli,  festeggiamo così il compleanno del blog.
Ciao a tutti, un abbraccio e vi ringrazio anticipatamente per la vostra visita e gli auguri!

24/02/12

Chiacchiere o bugie al forno ... per festeggiare il primo compliblog!

Fra due giorni festeggio il primo compleanno di questo blog! In  onore di ciò, oggi pubblico un' altra ricetta delle Chiacchiere o Bugie, però questa volta cotte al forno! La ricetta porta lo stesso nome, le bugie hanno stessa forma delle sorelle fritte pubblicate nel primo post però, hanno fragranza e friabilità decisamente diverse e un altro piacevole gusto, sono molto più leggere e più sane. Praticamente sono dei biscotti golosi preparati con un mix di farina 00 e farina integrale, l’olio di oliva extra vergine e vino bianco. 
Click to enlarge
L’anno scorso, il 26 febbraio proprio nel periodo di Carnevale, pubblicando la prima ricetta delle Bugie di Carnevale è cominciata la vera esistenza di Menu Italy. Il blog si è presentato sulla finestra della rete e sul mondo di Blogger nell'ottobre 2010, con i due post dedicati alla presentazione del blog e alla dieta mediterranea. Però, ritenevo più giusto festeggiare il suo compleanno quando è stata pubblicata la prima ricetta, perché in fondo è un blog di cucina mediterranea con le ricette ispirate (maggior parte) di questa elogiata dieta. Ora vediamo tutti gli ingredienti occorrenti e la preparazione di questa ricetta.
Ingredienti per 4:
  • 150 g farina integrale il Molino Chiavazza
  • 150 g farina 00
  • 70 g zucchero di canna
  • 2 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 4 cucchiai vino bianco secco
  • 60 ml di olio extra vergine di oliva, per l’impasto - Io olio DANTE
  • sale, un pizzico 
  • zucchero a velo
  • ancora olio, q.b.
  • ancora zucchero di canna, q.b.


Preparazione:
1. In una ciotola mescolare insieme: la farina setacciata, lo zucchero, il lievito, la cannella e un pizzico di sale. 
2. Nella fontana formata sul tavolo di lavoro versare in centro le uova battute insieme al vino e l’olio.
3. Impastare e lavorare fino ad ottenere un impasto asciutto ed elastico. Se troppo morbido unire 1-2 cucchiai di farina.
4. Stendere la sfoglia sul  ripiano infarinato fino a raggiungere lo spessore di pochi millimetri. Con una rotella taglia pasta dal bordo smerlato (o coltello) ritagliare strisce large 7- 8 cm quindi tagliare diagonalmente a distanza di circa 12 cm ricavando delle losanghe. Alla fine, nel centro di ciascuna fare un’incisione  di 5-6 cm.
5. Disporre le losanghe sulla placca del forno foderata con carta da forno, spennellare con poco olio, cospargere con zucchero di canna ed infornare a 180 ° C per 10 minuti. Sfornare quando prendono un bel colore dorato. Lasciare raffreddare le chiacchiere quindi cospargere con zucchero a velo a piacere aiutandosi con un colino di maglie strette et voilà … 
Click to enlarge
eccole, con una rosa per chiedere  perdono per le bugie mangiate!;)
Spero che questa volta la ricetta delle chiacchiere da forno non passerà senza almeno un commento (come le sorelle fritte) da voi meravigliosi amici foodies … e grazie di cuore per la vostra compagnia in tutto questo periodo di vita del blog Menù Italy!
Ciao, un saluto e un abbraccio a tutti!

20/02/12

Vellutata di finocchi e polpette di carne allo zafferano

I ravioli dolci della scorsa ricetta sono finiti in 1 giorno. Anche se erano così buoni, molto friabili e non tanto pesanti da digerire, sono sempre dei dolci fritti che purroppo fanno lavorare un po’ di più il nostro fegato. Perciò ieri, per il pranzo della domenica, ho preparato un piatto unico, cosiddetto riparatore, molto appetibile, saziante e poco calorico: Vellutata di finocchi e polpette di carne e zafferano. Adoro le spezie, in particolare lo zafferano e lo uso molto spesso nel cucinare sia dolci  che salate  delizie e bontà. Qui si sposa benissimo con la vellutata di finocchi e le polpettine di carne macinata producendo un meraviglioso color oro e dei sapori intensi ma delicati che non affaticano il gusto.
Per la preparazione di questo piatto non impegnativo ma di grande soddisfazione, ho usato una leggera tecnica di cottura, le polpette sono state bollite nell’ acqua e poi posate sulla vellutata di finocchi allo zafferano.
Il piatto è creato con  pochi ingredienti facilmente reperibili nel supermercato, dal nostro verduriere e dal macellaio e la sua esecuzione è stata relativamente veloce, circa 1 ora.
Ecco gli ingredienti e il metodo di cottura di questa gustosa e saziante velutata di finocchi accompagnata dalle deliziose polpettine di carne allo zafferano.
Ingredienti per 2 persone:
  • finocchi, 1 grosso o 2 medi
  • patata, 1 grossa o 2 medie
  • scalogno,  1 
  • olio extra vergine d’oliva, q.b.
  • brodo granulare di verdure, q.b. (secondo il gusto)
  • bustina di zafferano, 1 
  • carne macinata, circa 230g (2 parti bovina + 1 parte carne di salsiccia)
  • cipollotto, 1 grosso
  • uovo, 1
  • riso bianco, 30 g.
  • farina di riso q.b.
  • bicarbonato di sodio, 1 cucchiaio di Tè,  colmo (pienissimo)
  • sale, q.b. ( io non lo messo)
  • pepe bianco, Tec-Al
Procedimento:
1. In una pentola con poco olio di oliva, far soffrigere lo scalogno tritato finamente. Aggiungere i finocchi tagliati in spicchi sottili e le patate tagliate a dadini , mescolare bene e versare l’acqua fino a coprire la verdura.
Cliccare sulle foto per ingrandirle!
2. Lasciar cuocere a fuoco basso per circa 15 minuti. Aggiungere il brodo granulare di verdure (il dado in polvere) e anche la metà della polvere di zafferano sciolto in pochissima acqua calda, mescolare per insaporire bene e lasciar cuocere ancora per circa 5-10 minuti.
3. Lasciare la verdura a raffreddare e nel frattempo occuparsi della carne, cioè mischiare tutti gli ingredienti: carne macinata, la salsiccia sbriciolata senza la pellicina, l’uovo, il cipollotto tritato finemente, lo zafferano rimanente, il riso e la farina di riso q.b. per ottenere un impasto sodo a tal punto da poter formare le piccole palline, cioè le polpettine.
4. Immergere le polpettine nell' acqua (già stata portata a ebollizione) e cuocerle a fuoco medio per una ventina di minuti.
5. Nel frattempo far passare la verdura con il mixer ad immersione. Per ottenere una crema di finocchi densa, conviene prima passare la verdura con il setaccio e poi con il mixer. Se si vuole in pochino meno densa allora, aggiungere un po’ dell' acqua di cottura della carne o di cottura della stessa verdura.
6. Comporre il piatto con la vellutata di finocchi  allo zafferano. Posare le polpettine di carne sopra, aggiungere per decorare della barbetta dei finocchi e servire ben caldo.


Cospargere le polpette solo con un po’ di pepe bianco o nero e un giro di olio di oliva extravergine.
Note:
1. Le polpette risultano belle gonfie (per la presenza del bicarbonato di sodio) e ben soffici. La carne diventa morbida nella cottura per la presenza del riso e la sua farina.
2. Il piatto e molto leggero ed è adatto per una dieta non tanto rigorosa e ferrea.
3. La vellutata di finocchi allo zafferano si po' servire  anche da sola, senza le polpette e presentarsi come un gustoso piatto della cucina vegetariana o vegana!
Alla prossima, ciao!

17/02/12

Ravioli dolci o cassatelle di ricotta ... a modo mio

“Semel in anno licet insanire” (Una volta all’anno è lecito festeggiare)!!!
Non vedevo l'ora che venisse il periodo di carnevale per poter preparare e mangiare i dolci tipici, soprattutto quelli fritti! Un detto popolare recita che fritto è buono tutto, anche l’aria, ma è certamente lo zucchero caramellato e dorato dall’olio ad alta temperatura a trasformare anche il più semplice impasto in qualcosa di irresistibilmente stuzzicante e profumato.  Quest' anno ho deciso di fare le cassatelle di ricotta nella mia versione cioè praticamente i ravioli dolci con tre tipi di ripieno: ricotta e cioccolato fondente, composta di fragole all' aceto balsamico e confettura extra di fichi della azienda Le Tamerici.
Ravioli dolci 
Siccome in questo post i ravioli dolci sono presentati con tantissime foto vado subito al sodo...
Ingredienti per 4 persone:
  • 250 g. di farina 0, il Molino Chiavazza 
  • 50 g. di strutto
  • 100 ml. misto di marsala secco e vino bianco (1 parte marsala, 2 parti vino)
  • 50 g. di zucchero
  • limone, 1 - solo la scorza
  • 150 g.. di ricotta fresca
  • cannella, un pizzico
  • cioccolato fondente tritato, 30 g.
  • Confettura extra di fichi, le Tamerici
  • Composta di fragole all' aceto balsamico, le Tamerici
  • olio di semi, q.b - per friggere
  • zucchero a velo
Preparazione:
1. Formare una fontanella con la farina e mettere lo strutto, lo zucchero, la scorza di limone e il misto di marsala e vino bianco. Impastare fino ad ottenere una pasta elastica e compatta. Lasciare riposare coperta con un canovaccio e preparare il ripieno.
2. Passare al setaccio la ricotta e condirla con lo zucchero, la cannella in polvere e le scaglie di cioccolato fondente.
3. Stendere la pasta su un piano liscio in modo molto sotile e ottenere dei dischi con diametro di 8 cm.
4. Poggiare sopra i ritagli un cucchiaio di ripieno alla ricotta o marmellata e richiudere pressando bene sui bordi.
5. Friggere in olio di semi a t° non troppo alta e metterli sulla carta non appena ben dorati.
6. Una volta fredde, spolverare con lo zucchero a velo e servire.
Non devo scrivere come sono buoni questi ravioli dolci…. si vede dalle foto!!!

No ... non ci sono tanti ravioli in una porzione! Questi ravioli anche se fritti  si sono rivelati molto leggeri da mangiare dopo di essere raffreddate a temperatura ambiente. Ed ora l'ultima foto che dice MANGIAMI ... gnam!:)
Ecco cari amici qui è la fine di questo post, buona giornata, e buon Carnevale a tutti! Ciao, un bacio a tutti!

15/02/12

Cavolini di bruxelles al forno con pancetta, arachidi e formaggio

Oggi pubblico la ricetta di un piatto unico dove i protagonisti sono i cavolini o cavoletti di bruxelles. Nella mia cucina invernale il principe della verdura stagionata è il cavolo e le sue gustose varietà: cavolfiore, broccoli, cavolo cappuccio, verza, cavolini di bruxelles… Il cavolo è economico ed è una bomba di salute, pieno di vitamine e minirali preziosi ed è giusto che sia presente più spesso nelle nostre pietanze.
I cavolini di bruxelles nella ricetta di oggi sono conditi con pancetta e arachidi e gratinati in forno solo con il parmigiano. Questo è un piatto tipico invernale che contiene un po' di giuste calorie  che si consumano in fretta con il freddo polare di questi giorni. Vediamo cosa occorre e come è preparato! 
Ingredienti per una persona:
  • cavolini di bruxelles, 150-200 g
  • burro, una noce
  • dadini di pancetta affumicata, 30 g.
  • arachidi, 30 g, precedentemente cotti in forno
  • parmigiano reggiano o grana, 1-2 cucchiai (grattugiato)
Procedimento:
1. Mondare i cavolini di bruxelles e cuocere in acqua salata e acidulata con aceto bianco (poco) per 10-15 minuti dal bollore.
2. In una padella soffriggere il burro con la pancetta e gli arachidi spezzettati ( la pancetta deve risultare croccante).
3. Unire i cavoletti di bruxelles tagliati a metà e saltare bene nella padella.
4. Trasferire tutto nel piatto di coccio, cospargere con il parmigiano o grana.
5. Infornare per gratinare alla massima potenza del grill finche il formaggio non è sciolto.
Sfornare e servire caldo…magari con del pane casareccio come questo che si vede sulla foto.
Nota: 
- Questo cavolo in miniatura, della dimensione di una noce, ha foglie di forma quasi rotonda avvolgenti che formano dei cavolini arrotondati di colore verde chiaro, uniformi, serrati.
- Ci sono diverse varietà presenti sul mercato dal  fine settembre fino a marzo.
- Nonostante il nome, sembra siano originari dell'Italia e introdotti in Belgio dai legionari romani.
- Al momento dell'acquisto devono essere compatti e duri, di colore verde brillante. L'odore non deve essere forte e penetrante, ma delicato.
- Si puliscono eliminando due o tre foglie esterne, tagliare il torsolo di base e lavarli accuratamente perché tra le foglie si possono depositare terra e insetti.
- I cavolini si possono conservare in frigo per alcuni giorni, ma vanno sistemati lontano dalla frutta, che emana etilene. Possono essere cotti brevemente e poi congelati.
Suggerimenti per renderli più digeribili
Vanno sempre scottati in acqua bollente salata 5-10 minuti a pentola scoperta prima della cottura vera e propria e scolati subito altrimenti diventano amarognoli.
- I cavolini di Bruxelles possono essere preparati in modi molto facili e semplici, lessati e conditi come un'insalata qualsiasi. Si possono anche gratinare con besciamella, burro e parmigiano.
Proprietà: sotto il profilo nutrizionale, il cavolo di Bruxelles contiene buone percentuali di sali minerali (fosforo e ferro), carboidrati e proteine. E' consigliato il consumo alle donne perché, agendo in modo positivo nei confronti del metabolismo degli ormoni, aiuta a prevenire i tumori al seno. I Cavoletti di Bruxelles hanno anche proprietà anti ulcera, anti anemica, disintossicante (un tempo si usava somministrare l'acqua di cottura delle foglie per smaltire una forte ubriacatura). Pare che la combinazione di tiamina (vitamina B1) e acido folico aiuti ad aumentare la concentrazione. 
Ora amici foodies vi mando un saluto e un bacio ... anche se a malincuore devo scappare in fretta!  Ciao, alla prossima ricetta!

10/02/12

Tortine di ricotta allo zafferano con salsa al cioccolato

La ricetta di oggi Tortine di ricotta allo zafferanno in  forma di cuore sono il mio piccolo omaggio per la festa degli innamorati, San Valentino, ! Il grande omaggio, quello dedicato a me e il mio amore lo preparerò domani sera e non sarà di certo un piccolo cuore!
Allora, come ho detto nel post precedente, sono partita dal fatto che avevo pochi ingredienti di ottima qualità che volevo usare per preparare qualche delizia, cioè un poco di farina di cocco e dell' ottima cioccolata con 85% di burro di cacao. Dopo che ho trovato la ricetta che mi piaceva, ho notato subito di non aver abbastanza cioccolato da incorporare nelle tortine. Ma la mia mente pratica non si è arresa e come sempre (o quasi) ho cambiato alcuni ingredienti della ricetta originale!
Ecco gli Ingredienti per 6 tortine in forma di cuore, ottenuta con degli stampini in silicone:
  • ricotta, 150 g
  • 80 g di composto delle Bonbon,
  • uovo, 1
  • zucchero, 1 cucchiaio pieno
  • farina di cocco, 2 cucchiai
  • una noce di burro
  • polvere di zafferano, ½ bustina
Per la salsa:
  • 50 g di cioccolato extra fondente 85%
  • latte, circa 10-15 ml
  • zucchero di canna, 1 cucchiaio
Procedimento:
In una ciotola mescolare con la frusta la ricotta con lo zucchero e il tuorlo. Unire la farina di cocco, mezza bustina di zafferano in polvere ed anche il composto delle bonbon  e mischiare bene.
Cliccare sulle foto per ingrandirle!
In un’altra ciotola montare a neve l’albume con un pizzico di sale e unire delicatamente al composto di ricotta.
Suddividere il composto in 6 stampini imburrati. Infornare e cuocere per circa 15-20 minuti a 170-180°. Fare la prova dello stecchino che deve essere asciutto quando sono pronti.
Quando le tortine sono diventate fredde sono pronte per servirle con la salsa di cioccolato. Se non si servono subito possono rimanere in frigo fino a 2-3 giorni.
Prima di servire, capovolgerle e metterle sui piattini.
Fare la salsa al cioccolato, sciogliendolo con lo zucchero e il latte e versarlo sopra le tortine.
Cospargere un po’ dello zafferano sopra il cioccolato quando questo è un po' raffreddato e servire! 
Ecco le altre foto delle "tortine - cuoricini" ... sono pronte per augurare Buon San Valentino a tutti! 
Ora vi saluto con l'augurio di Buon San Valentino a tutti! Ciao, un bacio!

Bonbon di ricotta e cocco allo zafferano

Il post di oggi tratta un dolcetto con la ricotta, il cocco e lo zafferano. Sono partita dal fatto che mi sono rimasti degli ingredienti, come la farina di cocco e il cioccolato fondente di buona qualità ma in quantità limitate. e nache se so che in pasticceria si usano sempre gli ingredienti misurati alla perfezione, io oso qualche volta di andare oltre e questa volta il mio esperimento è riuscito. Nella ricetta di questi Bonbon di ricotta, non avendo la giusta dose di essa, ho sostituito la parte mancante con formaggio spalmabile (quello di una nota marca).
Palline o Bonbon di ricotta, formaggio e cocco allo zafferano.  

Sono dei dolcetti molto leggeri, con pochissimi grassi, senza glutine, senza uova, senza burro e senza cottura, e anche senza pensiero che ingrassiamo se mangiamo uno- due in più, insomma comodissimi per deliziarsi senza rimorsi! Infatti, sono finiti tutti appena serviti in tavola.
Ingredienti - per circa 15 palline:
  • 150 g. di ricotta fresca 
  • 100 g di formaggio spalmabile
  • 40 g di zucchero con pochissima cannella 
  • 150 g. di farina di cocco 
  • ½  bustina di zafferano
per decorare:
  • 30 g di farina di cocco
  • cacao amaro in polvere, q.b.
Procedimento:
1. In una terrina lavorare la ricotta con le fruste del mixer per renderla morbida e cremosa.

2. Unire lo zucchero con la cannella e lo zafferano. Mescolare bene per amalgamare tutti gli ingredienti.
3. Unire la farina di cocco, mischiare ancora e poi mettere il composto in frigo per almeno 2-3 ore.
4. Dopo di che, formare delle palline con le dimensioni  scelte  personalmente ... ad occhio !
Alcune rotolarle nella farina di cocco e le altre nel cacao amaro in polvere. Conservare i bonbon nel frigorifero e toglierle 15 minuti prima di servire! ... Ecco ancora una foto... perché sono proprio carine, vero!!!

Ciao a tutti! Un bacio!